Non è mai troppo...distante


NON È MAI TROPPO… DISTANTE

 

Anche la Scuola in Ospedale si è organizzata per rendere attiva la vicinanza educativa agli alunni-degenti attraverso una didattica a distanza.

Le insegnanti Elsa Di Ferdinando della scuola primaria e Anna Barnabei della scuola dell’infanzia, hanno riannodato i fili educativo-didattici del rapporto insegnamento-apprendimento interrotto dalla contingenza pandemica. È stato riattivato quel legame simbolico che il docente della scuola in ospedale mette in atto sine die.

L’imminente stagione della primavera e le sue caratteristiche era stato il focus del lavoro scolastico  intrapreso prima della chiusura della scuola con l’attivazione del laboratorio grafico-pittorico e plastico-manipolativo che aveva permesso la creazione di oggetti didattici; tuttavia era da organizzare la collocazione e l’esposizione dei manufatti che rappresentano l’atto concreto di un iter educativo-didattico polivalente e trasversale a tutte le discipline.

Attraverso una video-chiamata multipla effettuata dal personale sanitario alle insegnanti, i bambini ricoverati, hanno ricevuto precise istruzioni per dare continuità al lavoro interrotto permettendo di allestire lo spazio per mostrare i loro lavori.

Questa esperienza educativa troncata e poi ripresa ci ha lasciato un grande monito: ciò che viene interrotto può avere una seconda vita e può assumere significati profondi, non è più come prima ma meglio di prima!

WhatsApp Image 2020-04-07 at 22.33.55 (1).jpeg
WhatsApp Image 2020-04-07 at 22.33.55.jpeg
WhatsApp Image 2020-04-07 at 22.33.56 (1).jpeg
WhatsApp Image 2020-04-07 at 22.33.56.jpeg